Digital Media in Italia

Un'iniziativa per interrogarci sul ruolo dell'Italia
e per programmare il nostro futuro


Bozza

Analisi dei benefici apportati ed attesi dall’ICT

Funzione

Fatto

Da fare

Ideazione

Possibilità di accedere ad una grande quantità di materiale audiovisivo, capace di influenzare, stimolare e migliorare il processo creativo.

Fasi di ricerca e studio agevolate da intere enciclopedie a portata di click, articoli di approfondimento, riferimenti iconografici, etc.

??

Scrittura

Grazie ai wordprocessor c’è una incredibile velocità di scrittura, revisione e condivisione. Anche il processo di traduzione è agevolato.

Esistono programmi proprietari quali FinalDraft od OSS quali Celtx.

 

Registrazione della sceneggiatura

FinalDraft permette di collegarsi direttamente via rete alle agenzie preposte, in modo da depositare l'opera direttamente on-line. Per usare questo in Italia occorre rapportarsi con la SIAE.

Le alternative sono poche (e.g. marche temporali online di Copyzero).

iPay potrebbe gestire le royalties degli sceneggiatori.

Casting

Agenzie telematiche, attori provinati via web e scoperti grazie alla quantità di video presenti sulla rete.

Sarebbe molto interessante poter applicare metodi di ricerca che permettono di trovare immagini con delle somiglianze. Con questo gli Agenti di Casting potrebbero passare in rassegna velocemente migliaia di immagini in archivio e trovare quelle più consone alle proprie esigenze (e.g. un attore che somigli a George Clooney però nano e livornese).

Location scouting

Archivi digitali, estrema velocità di comunicazione con il location manager (cellulare con fotocamera digitale e via).

Stessa cosa per Location Manager (e.g. una location che mi ricordi il Deserto del Gobi, però in Sardegna)

Produzione

Stesura di un piano di lavorazione automatico direttamente dai programmi di scrittura per sceneggiature come Finaldraft o Celtx. Calendari e documentazione condivisa accorciano i tempi di comunicazione e diminuiscono i misunderstanding.

 

Riprese

Telecamere leggere, economiche e potenti, comportano supporti logistici snelli e meno dispendiosi (meno luci, meno elettricità, carrelli più leggeri, etc.) Troupe più piccole e veloci. Computer portatili che acquisiscono in real time il girato e il sonoro, e coi quali fare un pre-montato a velocità disarmante.

 

Montaggio

Rivoluzione assoluta. L'editing non lineare è stata una conquista titanica per il Cinema e ha contribuito a modificare il linguaggio audiovisivo in maniera assoluta.

 

Post-produzione

Manipolazione totale su audio e video.

Sarebbe bello poter muovere via rete il girato delle riprese (ore/Gigabyte), in modo da consentirne la visione in streaming live o in differita e, perché no, un editing condiviso. Purtroppo questo è destinato a rimanere un sogno per molto tempo se si parla di rete pubblica.

Finalizzazione

La possibilità di esportare da computer verso qualsiasi supporto, dalla pellicola 35mm al cellulare.

 

Grafica promozionale

Loghi, manifesti, poster, buste… Photoshop domina incontrastato.

 

Promozione

Mailing-list, newsgroup, forum, blog, siti dedicati, portali. Strumenti utili, potenti e assolutamente non dispendiosi

L’uso intensivo dell’ICT da parte di chi svolge questo mestiere in ambiti di cinema tradizionale è ancora lontano. La sensazione è che non ci sia una reale percezione delle potenzialità. Spesso si fanno cose seguendo la corrente: myspace è un buon modo di promuovere un film tra i giovani, ma serve davvero mettere account promozionali su myspace?

Distribuzione

La rete permette di far circolare il proprio lavoro aggirando i gatekeeper della distribuzione tradizionale.

Alcuni spunti

  • Se ci fosse un film che vende (e bene) su internet, tutti si affannerebbero a seguire il trend

  • Gli aggregatori dovrebbero avere un’impostazione diversa dal distributore attuale, che troppo spesso mette in disparte qualità e coerenza a favore di prodotto di facile richiamo

  • Non serve ritrovarsi una lista infinita di tutto ciò che si trova di visionabile in rete, ma spazio a distributori online bene attrezzati e credibili, dei veri e propri market specializzati con prodotti di qualità.

La distribuzione è un punto tipico in cui si incassa e quindi sarebbe utile usare iPay per ripartire introiti/royalty per tutta la catena degli aventi diritto.

Feedback spettatori

Una cosa che mi pare molto interessante è la possibilità di interfacciarsi direttamente con critica e spettatori. Volendo anche uno per uno. E’ uno strumento in più per la crescita dell’autore e dell’ecosistema.